Comunicato Stampa n.4 del 29 Aprile 2015.

E’ durato circa un’ ora l’incontro tra la delegazione del comitato “Salviamo il Teatro Carani” e l’Amministrazione Comunale sassolese rappresentata dal Sindaco Claudio Pistoni, il vicesindaco Maria Savigni e l’assessore alla cultura Giulia Pigoni. Dopo i convenevoli di rito, in un clima sereno e collaborativo i rappresentanti del Comitato hanno chiesto quale fosse la posizione dell’amministrazione a fronte di quella comunicata dell’avvocato Fregni per conto della proprietà del Teatro Carani, la quale non ritiene percorribili nessuna delle 3 ipotesi proposte dell’amministrazione. Il Sindaco Pistoni ha sottolineato come ancora non siano arrivate lettere di diniego, da parte della proprietà, relativamente alle proposte, lettera che si sarebbe aspettato a dopo le dichiarazioni fatte dalla proprietà al Comitato, che, quindi, rimangono ancora in campo; allo stesso tempo ha manifestato volontà della giunta di trovare una soluzione per la riapertura del teatro e ha definito le proposte “modulabili”, lasciando quindi uno spiraglio aperto in particolar modo sulla durata temporale dell’affitto. Il sindaco ha affermato di essere in attesa di capire se esista la volontà, da parte della proprietà, di trovare soluzioni diverse rispetto a quella avanzata nell’ultima comunicazione che l’Amministrazione ritiene non conforme alle proprie possibilità anche e soprattutto da un punto di vista di legittimità degli atti. Il sindaco ha inoltre espresso il desiderio di incontrare direttamente la proprietà oltre l’avvocato Fregni, il quale non sembra sia formalmente autorizzato a trattare.

Il Comitato resta motivato e concentrato sull’obiettivo alla base della nascita del comitato stesso, la riapertura del Teatro Carani e continuerà, anche alla luce dei due incontri avuti, nella sua azione di soggetto mediatore tra le parti promuovendo e partecipando a tutte le occasioni di discussione sul tema utili a raggiungere l’obiettivo.

Comunicato Stampa n.3 del 24 Aprile 2015

Un incontro franco nel quale è emersa la disponibilità della famiglia Carani a trovare una soluzione per la riapertura del teatro cittadino quello tra l’avvocato Fregni e i portavoci del comitato Salviamo il Teatro Carani che si è svolto lo scorso 22 Aprile. “Per prima cosa vogliamo ringraziare la famiglia Carani per questo incontro – fanno sapere dal Comitato – e ribadiamo la nostra massima disponibilità quali mediatori tra le parti”.

Il rappresentante della proprietà – l’avvocato Giorgio Fregni – ha confermato di aver ricevuto le 3 proposte elaborate dall’Amministrazione Comunale sassolese, che allo stato appaiono però impercorribili, e ha ribadito che i costi del ripristino del danno alla controsoffittatura non gravano sulla Società, sia perché in base al contratto tali costi sono a carico del Comune, sia perché il Teatro rappresenta per la famiglia un gravoso onere e non un guadagno, il che non consente di affrontare ulteriori costi. La proprietà ha, infine, precisato che non può ragionevolmente vincolare il Teatro per un tempo così lungo come i 20 proposti dalla terza opzione della giunta, trattandosi di un vincolo di durata palesemente eccessiva.

Comunicato Stampa n.2 del 17/04/2015.

Il comitato “Salviamo il Teatro Carani” nulla ha a che fare con la politica ma nasce unicamente dall’impegno e dalla passione di cittadini sassolesi che non si rassegnano a vedere chiuso il Teatro Carani.

Ogni altra ipotesi di diversi teatri e contenitori culturali cittadini è positiva per arricchire l’offerta culturale cittadina ma non può essere, per noi, alternativa alla riapertura del Teatro Carani.

Un bene prezioso, dal punto di vista artistico-culturale come il Teatro Carani non può essere oggetto e materia di scontro politico o boutade di questo o quel politico locale, il nostro auspicio è che l’Amministrazione, la politica e tutta la società sassolese remino in un’unica direzione che è quella di riaprire il Teatro Carani.

Comunicato Stampa n.1 del 14/04/2015.

Comunicato Stampa n.1 del 14 Aprile 2015.

Si è riunito Venerdì 3 Aprile u.s. il Comitato “Salviamo il Teatro Carani”, fondato formalmente il 5 Marzo u.s.
Nel corso della riunione si è ufficialmente presentato lo Statuto del Comitato, che riportiamo a calce.
Il Presidente è Angela Ottani, vicepresidente Laura Franchini, segreteria Barbara Bonini.
I portavoce sono Angela Ottani e Laura Franchini, che curerà l’ufficio stampa del Comitato. Nessun altro membro del Comitato Salviamo il Teatro Carani è autorizzato a comunicare in nome e/o per conto del Comitato Salviamo il Teatro Carani.
Si è inoltre deciso di costituire all’interno dello stesso un Comitato Esecutivo.
Le iscrizioni al comitato possono avvenire tramite invio di mail riportante NOME, COGNOME, INDIRIZZO, LUOGO E DATA DI NASCITA, all’indirizzo mail: info@salviamoilteatrocarani.it , oppure al link del blog http://www.salviamoilteatrocarani.it/adesione-al-comitato
Si aggiungeranno inoltre alcuni punti di iscrizione sul territorio, che verranno comunicati ai media e sul web, per agevolare coloro che non utilizzano Internet.
Il Comitato si avvale dei seguenti mezzi di comunicazione:
1. Blog, il cui indirizzo è: www.salviamoilteatrocarani.it
2. Gruppo Facebook: Salviamo il TEATRO CARANI, prima che faccia la fine del Cristallo, URL: https://www.facebook.com/groups/665929196852857/?fref=ts
3. Mezzi stampa e media, unicamente tramite i portavoce autorizzati.
Il Comitato prende atto delle tre proposte esposte dalla giunta di Sassuolo, tramite conferenza stampa il giorno Venerdì 3 Aprile e attende di conoscere la risposta della proprietà, rappresentata dall’avvocato Fregni che nella medesima data dichiarava telefonicamente a Laura Franchini, alle ore 19.00, di non aver ancora ricevuto alcuna comunicazione in merito e di venire a conoscenza delle proposte dalla nostra chiamata.
Si è deliberato di continuare l’attività informativa attraverso socials e stampa, ma si sono anche convenute iniziative sul territorio, atte a garantire un coinvolgimento più ampio della cittadinanza, a diversi livelli.
Le stesse verranno, di volta in volta, veicolate tramite i suddetti mezzi.
Si è inoltre deciso di fare formale richiesta di dare lettura di un breve comunicato nel corso del prossimo consiglio comunale dedicato al Teatro Carani.
Nell’attesa di conoscere la posizione della famiglia rispetto alla proposte e di raccogliere dal Comune di Sassuolo risposte in merito alle stesse, il comitato si aggiorna e dichiara chiusa la seduta.
AGGIORNAMENTO:
In data 7/4/2015 sono partite, via posta certificata, due mail indirizzate al sindaco di Sassuolo, Claudio Pistoni, all’assessore Giulia Pigoni e all’avvocato Fregni, rappresentante della famiglia Carani, richiedenti un incontro con i rappresentanti del Comitato. Ad oggi il comitato non ha ricevuto alcuna risposta.

Filippo Timi

Filippo Timi #salviamoilteatrocarani.it

Filippo Timi #salviamoilteatrocarani

www.filippotimi.com